Innamorarsi a Matera davanti alla fontana dell’amore

by Mariangela

Succede che cammini per le suggestive vie dei Sassi. Innamorarsi a Matera è quasi scontato.

E mentre ti guardi intorno girellando ammirato, incontri un gruppetto di figure: delle ragazze che vanno a riempire acqua alla fonte e dei giovanotti che con aria sorniona le guardano…
Ecco ci troviamo di fronte alla “??????? ????’?????”, un monumento che racconta come a Matera, tra i rioni Sassi, in un passato caratterizzato da estrema povertà ed arretratezza, attraverso semplici gesti e consuetudini poteva avvenire l’innamoramento tra i giovani.
Eh già perché ai tempi dei nostri nonni materani, non c’erano i social per incontrarsi virtualmente… c’erano le fontanelle per strada per sbirciarsi e parlottare realmente.

Una romantica emozione che si perde nella tradizione


Succedeva in tempi passati che una delle circostanze più frequenti consisteva nell’attesa, da parte dei ragazzi, che qualche ragazza si avvicinasse nei pressi delle fontane pubbliche per attingere dell’acqua. Come in via Muro, dove è stata posizionata l’installazione… questa discesa pittoresca che dalla Civita conduce fino in piazza San Pietro Caveoso, alle porte del Sasso Caveoso. In questo luogo spettacolare, immerse in uno scenario unico al mondo, sono state installate 5 statue in bronzo a grandezza naturale raffiguranti dei giovani materani nei pressi di un fontanino. Un ragazzo appoggiato al muro osserva una ragazza intenta a riempire una brocca d’acqua al fontanino; contemporaneamente, un altro ragazzi si fa avanti, porgendo una rosa alla ragazza che sembra ricambiare il suo interesse.

Lungo il parapetto che costeggia la gradinata di Via Muro, era usuale che schiere di ragazzi attendevano il passaggio delle loro coetanee per scambiarsi sguardi e mostrarsi reciproco interesse. Ecco che quindi l’opera ha immortalato un momento. Un bel momento di vita vissuta. L’opera rievoca quindi scene di vita ormai confinate nella memoria degli abitanti più anziani degli antichi rioni. E viene nostalgia mista a dolcezza guardare questo gruppo di giovanotti e giovanotte.

Innamorarsi a Matera: la poesia della tradizione della vita del vicinato

La vita del vicinato dei Sassi aveva regole rigide. Le ragazze non passeggiavano quasi mai da sole tra i vicoli della città. Uno dei pochi momenti in cui questo era possibile, era appunto quello del riempimento delle giare alle fontane. E in quelle occasioni avvenivano incontri, brevi colloqui che potevano tramutarsi, in seguito, in conoscenze più approfondite.

I numeri della fontana

L’opera, costata circa 160mila euro, è stata ideata e progettata dai disegnatori Enzo Viti e Teresa Lupo. Lo scultore Domenico Sepe l’ha realizzata e ha curato la progettazione esecutiva e la direzione artistica.
E’ stata realizzata con i fondi stanziati dal MiBACT nell’ambito della legge 208/2015, circa 800mila euro il finanziamento complessivo, e unicamente utilizzabili per l’acquisto di immagini visive, di immagini scultoree raffiguranti la vita nei Sassi, e per installazioni di arte urbana.
Grande interesse fin dal momento della sua inaugurazione, avvenuta il 7 settembre 2020, ha suscitato questo monumento. E grande gli apprezzamenti dei numerosi turisti, il cui sguardo è letteralmente catturato e catapultato indietro nel tempo, al centro di una scena che ormai non può che appartenere al passato.

Innamorarsi a Matera davanti a quella fontana: c’eravamo anche noi!

….per un attimo, solo per un attimo tra quelle mani che porgevano un fiore e lo sguardo mesto e discreto che guarda la brocca, mentre il fazzoletto raccoglie qualche ciocca libera di capelli impertinenti…ecco forse ho sentito forte e potente il fascino dell’amore che è pazienza, attesa, conquista…
W l’amour❤❤❤

Ti è stato utile questo articolo?

Lascia un commento qui sotto oppure contattaci sulla nostra pagina Facebook o sul nostro profilo Instagram e ti risponderemo al più presto se hai curiosità o vuoi delle informazioni in più.
E se pensi che possa essere utile o interessare altr* viaggiator* condividilo





Leave a Comment

You may also like